logo Viglezio Pneumatici
Pneumatici in ticino dal 1932

CERCA ADESSO I TUOI PNEUMATICI
R

CONSIGLI VIGLEZIO

Servizi Pneumatici
I nostri consigli sono dettati da oltre 80 anni di esperienza e dal costante aggiornamento professionale al passo con l’evoluzione delle tecnologie.
Cunsulta i nostri consigli cliccando sul capitolo di tuo interesse!
Sicuramente ti saranno utili.

Pneumatici invernali
(estratto da www.polizia.ti.ch)
Non risparmiare sulla sicurezza, equipaggia-TI. Il Reparto del traffico della Polizia cantonale invita i conducenti a dotarsi di pneumatici invernali per non incorrere in gravi incidenti e relative sanzioni. Autorità e addetti ai lavori negli ultimi anni hanno promosso l'uso ed il corretto utilizzo dei pneumatici invernali. In alcune regioni europee vi è pure l'obbligo dell'equipaggiamento invernale mentre anche in Svizzera gli importatori di veicoli forniscono già di serie, o come opzione integrata, quattro cerchioni supplementari con relative gomme termiche. Negli ultimi anni la sensibilità dell'utenza è costantemente cambiata con una costante e crescente richiesta per questo tipo di coperture. In Ticino sempre più conducenti acquistano gli pneumatici termici, ma non bisogna abbassare la guardia e quindi l'impegno di informazione continua anche per il 2014 nell'ambito della campagna "Strade più sicure", promossa dal Dipartimento Istituzioni.
I test hanno dimostrato che una vettura attrezzata con pneumatici estivi, nella stagione invernale necessita di uno spazio di frenata più lungo. Infatti alla velocità di 80 chilometri orari, lo spazio di arresto del veicolo aumenta fino al 60% sulla strada innevata.
In Svizzera non esiste un obbligo specifico relativo al montaggio degli pneumatici invernali.
Quindi, un automobilista che utilizza pneumatici estivi nella stagione invernale, generalmente, non può essere punito. Comunque chi rimane fermo sulle strade innevate con l'auto accessoriata in modo inadeguato (per esempio dotata di pneumatici estivi) e di conseguenza blocca la libera circolazione del traffico, può trovarsi a rispondere d'infrazione alle regole di base della circolazione stradale (LCStr art. 26 norma fondamentale).

Pneumatici invernali
Oggi un buon pneumatico invernale deve garantire buoni risultati non solo sulla neve, ma anche sulla strada bagnata. Nella stagione fredda, grazie al profilo più profondo lo pneumatico invernale ha più aderenza e il veicolo è più facilmente controllabile, inoltre lo pneumatico invernale potrebbe essere più performante se fosse più stretto per le ruote di trazione, ma i nuovi componenti permettono anche di montare pneumatici larghi (praticamente gomma estiva e invernale di medesime dimensioni). Anche le auto 4x4 d'inverno necessitano di pneumatici appropriati. La maggior parte delle auto 4x4 vengono fornite dal fabbricante con pneumatici "quattro stagioni". Gomme quest'ultime che non possono fornire il massimo delle prestazioni né d'estate né d'inverno. Le auto 4x4, che d'inverno non vengono dotate di pneumatici invernali, sono difficilmente controllabili su neve e ghiaccio.

Frenare sulla neve a 40 chilometri orari
Per frenare in modo sicuro sulla neve sono indispensabili degli pneumatici invernali buoni.Un'auto dotata di pneumatici invernali si arresta dopo 29 metri. Allo stesso punto, l'auto con pneumatici estivi ha ancora una velocità residua di 30 chilometri orari ed ha bisogno di 32 metri in più per arrestarsi.

Test pneuamtici invernali
Durante un test in pista in collaborazione con l'Associazione italiana produttori di pneumatici sono stati confrontati pneumatici invernali e estivi in condizioni di basse temperature quando la mescola dell'invernale rende al meglio (in genere dai +7° in giù). Gli pneumatici sono stati raffreddati mediante ghiaccio secco e sono stati usati sull'asfalto e, in un caso, su una piccola pista di ghiaccio. Con una motrice sono state trascinate abbiamo due auto identiche con le ruote posteriori bloccate e ghiacciate a -9°. Un dinamometro applicato al cavo di traino ha fornito misurazioni in chilogrammi sempre superiori di almeno un 20% a favore del pneumatico invernale su asfalto asciutto; questo da un'idea del maggiore attrito che questo pneumatico genera col suolo in condizioni di temperature rigide.

Consigli importanti:

  1. Sostituire gli pneumatici estivi con quelli invernali quando la temperatura esterna raggiunge i 7°C. Utilizzare sempre quattro pneumatici dello stesso tipo.
  2. Sostituire gli pneumatici invernali quando il profilo è inferiore ai 4 millimetri, poiché anche l'aderenza diventa precaria con strada bagnata/pioggia.
  3. Misurare regolarmente la pressione degli pneumatici (in occasione di ogni rifornimento di carburante) quando questi sono freddi (compresa la ruota di scorta). In inverno per una guida sicura gli pneumatici invernali sono indispensabili.
  4. Attenzione nei veicoli con ESP nel rispettare le dimensioni dei cerchi.
  5. Il rischio d'incidente d'inverno é 6 volte più alto che in estate.
  6. Frenata più corta, più tenuta laterale e più trazione. Si tratta d'aumentare la pressione di 0,2 - 0,5 bar. Meglio rispettare le pressioni a pieno carico.
Controlli periodici
È bene seguire controlli regolari sull’andamento dell’usura dei pneumatici, tenendo presente che le prestazioni sul bagnato e soprattutto in frenata diminuiscono con il progredire del consumo del battistrada. Per questo è consigliabile sostituire i pneumatici quando la profondità del battistrada è di circa 3mm.
La profondità del battistrada non deve mai essere inferiore ai limiti legali (1,6mm per autoveicoli, Legge n.142 Art. 166 del 18/2/1992). Permutare i pneumatici fra gli assi senza incrociarli ogni 10.000-15.000 km.

Controllo pressione
Controllare la pressione dei pneumatici a temperatura ambiente almeno ogni 15 giorni (compresa ruota di scorta).
In fase di ripristino evitare di sgonfiare i pneumatici quando sono caldi. È utile, al fine di limitare al minimo gli schiacciamenti dei pneumatici, alzare le pressioni di gonfiaggio fino a 3,2 bar per le serie tecniche SR e TR e fino a 3,5 bar per le altre serie tecniche quando si prevede un lungo periodo di sosta della vettura. Attenersi ai valori di pressione indicati sul libretto di uso e manutenzione del veicolo.
Assicurarsi della presenza del cappuccio valvola e serrarlo a mano.

Quando i pneumatici sono nuovi
Con pneumatici nuovi procedere a velocità moderata per i primi 300 km. In particolare per le coperture della classe H/V/W/Y/Z limitare la velocità per i primi 50 km.

Quando il pneumatico diventa blu
È possibile che alcune volte i pneumatici assumano una colorazione “bluastra” sul fianco. Precisiamo che tale fenomeno, di natura prettamente estetica, non pregiudica né la sicurezza, né le prestazioni dei pneumatici stessi.

Sali e scendi dai marciapiendi
Frequenti salite e discese dai marciapiedi compromettono oltre che l’integrità strutturale dei pneumatici anche l’assetto geometrico del veicolo.

Soste prolungate
La sosta prolungata su chiazze di olio, gasolio o solventi in genere danneggia il pneumatico in quanto queste sostanze hanno poteri disgreganti sulle mescole che compongono il pneumatico stesso, così come l’utilizzo di sostanze a base di idrocarburi utilizzati per la pulizia dei fianchi delle coperture.
È utile, al fine di limitare al minimo gli schiacciamenti dei pneumatici, alzare le pressioni di gonfiaggio fino a 3,2 bar per le serie SR e TR e fino 3,5 bar per le altre serie tecniche quando si prevede un lungo periodo di sosta della vettura.

Urto di un pneumatico
In seguito ad urti o perforazioni è importante far controllare da personale specializzato anche l’interno del pneumatico. È pericoloso trascurare una lesione del pneumatico. Nel caso di perforazione di Pneumatici TUBLESS (senza camera d’aria) è pericoloso l’inserimento della camera d’aria in quanto in fase di gonfiamento si potrebbe intrappolare aria tra camera d’aria e parete interna (impermeabile) della copertura TUBLESS.
In questa circostanza si avrebbe un continuo sfregamento della camera contro l’interno della copertura che porterebbe in breve allo scoppio della camera stessa e quindi della relativa perdita di controllo del veicolo. Ciò avrebbe conseguenze ancora più gravi se avvenisse su un pneumatico montato sull’asse posteriore.

Utilizzo del ruotino
In caso di utilizzo di ruote e pneumatici per uso temporaneo (ruotino d’emergenza) attenersi scrupolosamente alle condizioni d’impiego stabilite dal costruttore del veicolo

Verifiche geometria ruote
Al fine di prevenire usure irregolari sui pneumatici, è opportuno ad intervalli di 15.000 km circa far verificare sia gli angoli geometrici del veicolo che l’equilibratura delle ruote.

Sensori per il rilevamento della pressione degli pneumatici
La maggior parte degli autoveicoli di nuova fabbricazione è dotata di sensori atti a rilevare lo stato della pressione degli pneumatici. Norme europee prevedono l’obbligatorietà di questa dotazione a partire dal 2015 anche per le vetture di bassa cilindrata. I rilevatori danno il segnale tramite una spia sulla plancia di guida quando uno pneumatico viaggia con la pressione inferiore alla norma. Su alcune vetture il segnale si limita all’accensione di una lampadina con l’icona di una gomma afflosciata. Altri veicoli segnalano anche quale degli pneumatici denota una anomalia. In caso di accensione di questo segnale rallentare subito la velocità e fermarsi per una verifica approfondita. Può trattarsi semplicemente di pressione bassa come può anche essere il caso di uno pneumatico forato e completamente sgonfio.
Dopo la sostituzione o la riparazione dello pneumatico occorre eseguire il riassestamento dei sensori tramite il computer di bordo.
Attenzione: la maggior parte di questi sensori funzionano grazie ad un batteria di alimentazione posta al loro interno.
Quando questa batteria è scarica ( dai due ai cinque anni di durata a dipendenza del tipo di veicolo) la segnalazione può risultare difettosa e può essere necessaria la sostituzione del sensore completo.

Uso di pneumatici tipo RUNFLAT
L’uso di pneumatici di tipo Runflat è consentito unicamente su veicoli dotati del sistema di rilevamento della pressione. Il fabbricante di questo tipo di pneumatici non da garanzia in caso di riparazione. Risulta di conseguenza che uno pneumatico di tipo RUNFLAT che presenta una foratura dovrà essere sostituito.

RICHIEDI UN'OFFERTA
VIA MAIL




Accetto il trattamento della privacy:



O TELEFONICAMENTE
+41 (0)91 994 67 22
prenota cambio gomme
Seguici su facebook
prenota cambio gomme

Sei un Rivenditore?
Contattaci!


D&B Rating Certificate


sito sviluppato da AWD Communication sagl - www.awdcommunication.ch